I guadagni in conto capitale derivanti da transazioni in criptovalute come Bitcoin stanno diventando sempre più tassabili nei paesi di tutto il mondo. Pertanto, i contribuenti hanno l'obbligo di includere le transazioni di criptovaluta nelle loro dichiarazioni fiscali annuali. La non conformità può comportare gravi sanzioni. Ciò solleva la questione se le autorità fiscali siano in grado di identificare adeguatamente i proprietari di criptovaluta al fine di raccogliere le passività.

Il problema dell'anonimato

La principale preoccupazione connessa a tassazione delle criptovalute è la loro tracciabilità: il denaro virtuale viene spesso guadagnato, speso e scambiato su internet con il pieno anonimato. Inoltre, ulteriori tecniche di anonimizzazione, ad esempio reti private per il commercio virtuale e servizi di missaggio, forniscono protezione dei dati personali rendendo le transazioni praticamente non rintracciabili.

La ricerca di soluzioni

Alcuni paesi stanno adottando misure per identificare i proprietari di criptovaluta nel tentativo di risolvere il problema con l'anonimato. Il seguente testo discute le azioni intraprese dalla Cina, dove sono concluse la maggior parte delle transazioni in Bitcoin (percentuale 95 del commercio globale per 2017).

Con l'obiettivo di combattere le transazioni illegali in Bitcoin, il governo cinese ha recentemente adottato regolamenti che richiedono agli scambiatori e ai commercianti locali di seguire la nuova politica della Banca centrale nazionale con la verifica obbligatoria dei dettagli dell'account personale. Pertanto, gli utenti di Bitcoin sono ufficialmente tenuti a fornire particolari informazioni sulle loro transazioni, inclusi i dettagli di accesso, le informazioni sull'account, la descrizione delle fonti di finanziamento e la cronologia delle transazioni. Questi regolamenti consentono alle autorità cinesi di raccogliere maggiori dettagli sulle persone che si scambiano criptovalute, incluso Bitcoin, per determinare le loro fonti di capitale e per mitigare il rischio di azioni illegittime con denaro virtuale.

Sorveglianza del traffico internet

Alcuni paesi non hanno strategie e politiche globali intese a far sì che i commercianti di Bitcoin rispettino le relative passività fiscali e per fermare il riciclaggio di denaro che coinvolgono valute virtuali. Pertanto, le autorità locali si affidano alle persone per segnalare volontariamente il loro reddito da transazioni Bitcoin includendolo nelle loro dichiarazioni fiscali annuali. Questo è il caso dei contribuenti negli Stati Uniti, che sono obbligati a tenere registri delle transazioni di criptovaluta e riportano qualsiasi reddito generato. Tuttavia, fino ad ora, il livello di segnalazione è relativamente basso. Ad esempio, negli Stati Uniti solo le persone 802 hanno dichiarato il loro reddito da transazioni di criptovaluta nelle loro dichiarazioni fiscali annuali per 2015.

Quando le aspettative di segnalazione volontaria non sono soddisfatte, le organizzazioni governative possono ricorrere all'intercettazione del traffico Internet per identificare gli utenti di Bitcoin coinvolti in transazioni di criptovaluta. Questo metodo funziona specialmente quando gli utenti:

1) menziona i dettagli personali online come nome / indirizzo Bitcoin;

2) Scambia Bitcoin per altre valute. Il cambio valuta richiede spesso la verifica dell'identità, come copie di documenti di identificazione personale e estratti conto bancari. Pertanto queste transazioni potrebbero essere utilizzate per tracciare il traffico Bitcoin in entrambe le direzioni: in uscita e in entrata;

3) usa Bitcoin per il pagamento. L'acquisto di servizi e merci online richiede spesso i dettagli di contatto, ad esempio l'indirizzo per la consegna (quando la consegna non è digitale). Pertanto i tassisti possono identificare i destinatari di tali beni; e

4) usa i portafogli Bitcoin senza opzioni per mascherare l'indirizzo IP.

Conclusione

Come descritto sopra, l'uso anonimo di denaro virtuale solleva molte questioni relative alla riscossione delle imposte. Altri paesi stanno gradualmente adottando misure per risolvere la questione. In 2017, dopo che il governo cinese ha applicato regolamenti specifici, il Parlamento e il Consiglio dell'UE hanno preparato una proposta per identificare i proprietari di criptovaluta. Il documento afferma che le autorità responsabili devono monitorare le valute virtuali poiché l'anonimato è un ostacolo, non una risorsa per la Comunità.

Leggi qui nel caso tu sia interessato ad avviare un'attività di criptovaluta nei Paesi Bassi.

Contattaci pulsante