Trattato fiscale denunciato tra Paesi Bassi e Russia il 1° gennaio 2022

Il 7 giugno dello scorso anno, il governo olandese ha informato il governo del fatto che il governo russo ha ufficialmente accettato la risoluzione del trattato sulla doppia imposizione tra Paesi Bassi e Russia. Pertanto, a partire dal 1 gennaio 2022, non esiste più un trattato sulla doppia imposizione tra Paesi Bassi e Russia. Il motivo principale per cui ciò accade, si basa sui negoziati falliti nel 2021 in merito a un possibile nuovo trattato fiscale tra i paesi. Uno dei problemi principali era il desiderio russo di prevenire la fuga di capitali aumentando l'aliquota fiscale.

Qual era l'obiettivo delle trattative?

I Paesi Bassi e la Russia volevano esplorare se potevano allinearsi con entrambi i punti di vista. I russi volevano impedire la fuga di capitali, aumentando al 15% la ritenuta alla fonte su dividendi e interessi. Si applicherebbero solo alcune eccezioni minori, come le filiali dirette di società quotate e alcuni tipi di accordi di finanziamento. La fuga di capitali è fondamentalmente il deflusso di capitali e attività finanziarie su larga scala da una nazione. Ciò può avere varie cause, come la svalutazione della valuta, l'imposizione di controlli sui capitali o semplicemente l'instabilità economica all'interno di una determinata nazione. Questo sta accadendo anche in Turchia, per esempio.

Gli olandesi, tuttavia, rifiutarono questa proposta russa. Ciò è dovuto principalmente al fatto che l'accesso al trattato fiscale sarebbe bloccato per molti imprenditori. La Russia ha quindi proposto di estendere l'eccezione alle società private, a condizione che i beneficiari effettivi finali di queste società siano anche residenti fiscali olandesi. Ciò significherebbe che chiunque possieda una BV olandese potrebbe beneficiare del trattato sulla doppia imposizione. Tuttavia, ciò bloccherebbe comunque l'accesso al trattato fiscale in molte situazioni che i Paesi Bassi non considerano un abuso del trattato. Gli imprenditori stranieri non potrebbero beneficiare del trattato, per esempio. Poiché gran parte delle società a responsabilità limitata olandesi sono costituite da imprenditori stranieri.

Anche la tassazione delle società immobiliari è un punto di discussione. La risoluzione del trattato fiscale tra Paesi Bassi e Russia potrebbe avere conseguenze molto negative per gli investitori e il commercio tra i due paesi. Un esempio lampante è l'esenzione totale dall'imposta sui dividendi prevista dal diritto nazionale olandese. Questo scadrà, con conseguente prelievo del 15% sui pagamenti di dividendi da parte dei contribuenti olandesi agli azionisti russi. D'altra parte, la Russia potrebbe imporre tasse più elevate su dividendi, royalties e pagamenti di interessi. Questi non sono deducibili dalle tasse olandesi. L'intero scenario mette molti imprenditori in acque instabili, in particolare le aziende che si occupano di società russe.

Il processo di denuncia

L'intero processo fino alla denuncia in realtà è durato diversi anni. Nel dicembre 2020 il ministero delle Finanze russo ha annunciato la denuncia. Il primo passo pratico è stato compiuto nell'aprile 2021, quando è stata presentata alla Duma di Stato una bozza di disegno di legge di denuncia. Dopo che questo disegno di legge ha attraversato più fasi di esame e correzione, è stato completato alla fine di maggio 2021. Anche il disegno di legge è stato depositato. Nel giugno 2021 i Paesi Bassi hanno ricevuto la costituzione in mora e vi hanno anche risposto. Qualsiasi trattato fiscale può essere revocato unilateralmente, entro sei mesi prima della fine di ogni anno solare, mediante comunicazione scritta. Pertanto, non esiste più un trattato fiscale in vigore tra i Paesi Bassi e la Russia a partire dal 1° gennaio 2022.

Reazione del governo olandese a questi cambiamenti

Una volta ricevuta la costituzione in mora in merito alla denuncia, il segretario alle finanze olandese ha risposto con il messaggio che è ancora preferibile cercare una soluzione comune.[1] I negoziati su questo trattato fiscale sono in corso dal 2014. In realtà è stato raggiunto un accordo nel gennaio 2020 tra Russia e Paesi Bassi. Tuttavia, la Russia ha avviato in modo indipendente alcune procedure, volte a modificare i trattati fiscali anche con molti altri paesi. Questi includono, ma non sono limitati a Svizzera, Singapore, Malta, Lussemburgo, Hong Kong e Cipro. La proposta russa mira principalmente ad aumentare l'aliquota della ritenuta d'acconto dal 5% al ​​15%. Come detto sopra, questo include solo alcune eccezioni. Questi paesi sono anche etichettati come giurisdizioni del protocollo WHT russo.

Una volta che la Russia ha avviato questi cambiamenti, il precedente accordo non era più valido, poiché la Russia ha offerto ai Paesi Bassi esattamente lo stesso offerto agli altri paesi. Uno dei problemi principali di questo protocollo è il fatto che si applicherebbe sempre, anche in caso di abuso del trattato. Il trattato originale conteneva un tasso di ritenuta alla fonte del 5%, ma con il protocollo russo questo aumenterebbe al 15%. Un tale aumento può influenzare molto profondamente la comunità imprenditoriale, da qui l'apprensione del governo olandese di conformarsi ai desideri russi. Tutti i proprietari di società nei Paesi Bassi ne subirebbero le conseguenze, e questo è semplicemente un rischio troppo grave da correre. I Paesi Bassi hanno cercato di contrastare la proposta russa con le proprie proposte, come consentire alle imprese olandesi non quotate di utilizzare l'aliquota più bassa, nonché nuove misure antiabuso. Ma la Russia ha respinto queste proposte.

Quali sono le conseguenze di questa denuncia?

I Paesi Bassi sono considerati un importante investitore in Russia. Inoltre, la Russia è un partner commerciale molto importante degli olandesi. La denuncia avrà sicuramente delle conseguenze, soprattutto per le aziende che fanno affari attivamente con i Paesi Bassi. La conseguenza di gran lunga più significativa è l'aliquota fiscale più elevata. Dal 1° gennaio 2022, tutti i pagamenti di dividendi dalla Russia ai Paesi Bassi saranno soggetti a una ritenuta d'acconto del 15%, che prima era un'aliquota del 5%. Per la tassazione degli interessi e delle royalties, l'aumento è ancora più sbalorditivo: si passa dallo 0% al 20%. C'è anche il problema della compensazione di queste aliquote elevate con l'imposta sul reddito olandese, poiché ciò potrebbe non essere più possibile. Ciò significa che alcune aziende dovranno fare i conti con la doppia imposizione.

In alcuni casi, la doppia imposizione può ancora essere evitata dopo la denuncia. Dal 1° gennaio 2022 sarà possibile invocare il Decreto Doppia Imposizione 2001 (Besluit voorkoming dubbele belasting 2001) in determinate circostanze. Si tratta di un piano unilaterale olandese che impedisce che i contribuenti residenti o stabiliti nei Paesi Bassi siano tassati due volte sullo stesso reddito, vale a dire nei Paesi Bassi e in un altro paese. Questo vale solo per un certo numero di situazioni specifiche e anche in determinate condizioni. Ad esempio, un imprenditore olandese con una stabile organizzazione in Russia ha diritto a un'esenzione. Anche un dipendente olandese, che svolge un lavoro all'estero ed è pagato per questo, ha diritto a un'esenzione. Inoltre, tutte le società soggette all'imposta sul reddito delle società possono applicare in via continuativa l'esenzione dalla partecipazione e dalla partecipazione.

Inoltre, l'esenzione per gli utili delle società estere (nell'ambito dell'esenzione dalla partecipazione e dell'esenzione dall'oggetto) per prevenire la doppia imposizione continua ad applicarsi alle società olandesi. La principale conseguenza della nuova situazione è che la Russia sarà in grado di applicare ritenute alla fonte (più elevate) sui pagamenti di dividendi, interessi e royalty in uscita. Queste ritenute d'acconto non sono più idonee alla liquidazione in una situazione esente da trattati. Senza un trattato sulla doppia imposizione, tutti i pagamenti delle società coinvolte saranno soggetti a tassazione sia nei Paesi Bassi che in Russia, il che in effetti significa che potrebbe esserci la possibilità di doppia imposizione. Ciò significa che alcune aziende potrebbero trovarsi in difficoltà finanziarie, senza intraprendere le azioni appropriate.

Cosa significa questo per la tua azienda?

Se attualmente possiedi una società nei Paesi Bassi, l'assenza del trattato sulla doppia imposizione potrebbe avere conseguenze per la tua attività. Soprattutto se fai affari con la Russia. Ti consigliamo di approfondire la parte finanziaria con un esperto in materia, come ad es Intercompany Solutions. Possiamo aiutarti a valutare la tua situazione e vedere se ci sono soluzioni a possibili problemi. È possibile apportare diverse modifiche per evitare la doppia imposizione. Ad esempio, potresti cercare diversi partner commerciali in altri paesi, che hanno ancora un trattato sulla doppia imposizione in vigore tra loro e i Paesi Bassi. Se importi o esporti prodotti da e verso la Russia, puoi vedere se riesci a trovare nuovi distributori o clienti.

Se la tua attività è fortemente legata alla Russia, possiamo valutare insieme se la tua attività potrebbe rientrare in una delle esenzioni menzionate nel Decreto sulla doppia imposizione del 2001 (Besluit voorkoming dubbele belasting 2001). Come menzionato prima; se hai anche una stabile organizzazione in Russia, è probabile che non dovrai pagare la doppia tassa. I Paesi Bassi continuano a discutere di questo problema con la Russia e il Segretario di Stato olandese per le finanze spera di trovare una soluzione entro la fine dell'anno. Quindi non è ancora scritto nella pietra, anche se ti consigliamo vivamente di rimanere flessibile e vigile. Se c'è qualcosa Intercompany Solutions può aiutarti, non esitare a contattarci per qualsiasi domanda tu possa avere. Saremo lieti di assisterti con qualsiasi cambiamento che la tua azienda deve avviare.

[1] https://wetten.overheid.nl/BWBV0001303/1998-08-27

Hai bisogno di maggiori informazioni sulla compagnia olandese BV?

CONTATTARE UN ESPERTO
Dedicato a supportare gli imprenditori con l'avvio e la crescita di attività nei Paesi Bassi.

Membro di

menuchevron in giùcerchio incrociato