Un aspetto importante del sistema di tassazione delle società nei Paesi Bassi è l'esenzione di partecipazione speciale in base alla quale tutte le plusvalenze e i dividendi generati da una partecipazione ammissibile sono esentati dalle imposte

Imposta sulle società nei Paesi Bassi

In generale, tutte le società locali sono soggette all'imposta sul reddito delle società, o CIT, in relazione al reddito generato in tutto il mondo. Per i profitti fino a 200 000 Euro il tasso di CIT è 20 per cento. Qualsiasi reddito superiore a questa soglia è tassabile al tasso di 25%.

Residenti aziendali

Tutte le società olandesi residenti devono pagare CIT. La residenza fiscale è determinata in base alle circostanze e ai fatti particolari. La posizione di gestione effettiva è definita da determinati prerequisiti. Questa è la posizione in cui:

  • vengono prese importanti decisioni in merito al business;
  • i direttori si incontrano e lavorano;
  • la società archivia i propri documenti aziendali e prepara i propri bilanci.

Pertanto, le entità sono considerate residenti fiscalmente se le loro sedi di gestione efficaci sono in Olanda.

L'esenzione per la partecipazione olandese

Anche se tutte le società residenti in Olanda sono generalmente responsabili per CIT sui loro redditi generati in tutto il mondo, i profitti derivanti da una partecipazione azionaria ammissibile sono esentasse al livello dell'azionista considerato come residente fiscale in Olanda. Questa esenzione fiscale è definita esenzione per la partecipazione olandese (di seguito "PE").

Il PE ha due scopi principali. Nel suo senso prettamente nazionale impedisce la doppia imposizione del reddito di una singola impresa (tassando sia il reddito della società che della sua società madre). Da una prospettiva internazionale, il PE mira ad evitare la doppia imposizione da parte di diversi paesi.

Partecipazione ammissibile

In base alla legislazione vigente, la PE è applicabile agli utili derivanti dalla partecipazione di una società madre residente olandese, se soddisfa i requisiti elencati di seguito:

  1. La società madre partecipa con almeno il 5% del capitale sociale nominale conferito (in alternativa, a seconda delle circostanze, il 5% dei diritti di voto) di una determinata società il cui capitale è stato suddiviso in azioni (requisito per la soglia minima);
  2. Almeno una delle tre condizioni è soddisfatta:
  • la società madre partecipa con l'obiettivo di accumulare un rendimento superiore a quello atteso da un investimento passivo in un portafoglio (il requisito motore);
  • le attività indirette e dirette della controllata includono meno del cinquanta per cento di attività passive soggette ad un'aliquota fiscale ridotta (il requisito patrimoniale);
  • secondo gli standard olandesi, la controllata ha già un carico fiscale adeguato (il requisito di tassazione);
  1. Gli utili generati dalla controllata non sono deducibili rispetto a CIT nel paese della controllata.

Partecipazione non ammissibile per l'esenzione

Nel caso in cui sia soddisfatto il requisito della soglia minima (almeno il cinque per cento della partecipazione al capitale sociale nominale conferito), ma l'altro condizioni per PE no, la società riceverà fino al credito 5 per cento dell'imposta base dovuta per la partecipazione (ad eccezione delle partecipazioni UE ammissibili, in cui il credito può coprire l'intera imposta).

Requisito Motivo

Il requisito del motivo riguarda circostanze e fatti ed è soddisfatto quando la società madre investe nella sua controllata allo scopo di ottenere profitti superiori a quelli derivanti da investimenti passivi di portafoglio. In generale, il requisito è soddisfatto se, ad esempio, la società madre è attivamente coinvolta nella gestione della controllata o se svolge una funzione significativa nell'impresa commerciale del gruppo. Se> Percentuale 50 delle attività consolidate della controllata sono costituite da partecipazioni pari a <5 percento, o la controllata (comprese le sue controllate) funziona prevalentemente come società di leasing / concessione di licenze o di gruppo, il requisito motivato non sarà soddisfatto.

Requisito del patrimonio

Le attività passive gratuite, soggette ad un'aliquota d'imposta ridotta, hanno le seguenti caratteristiche:

  • non sono praticamente richiesti per l'impresa del loro proprietario; e
  • il profitto che generano è tassato in modo efficace al tasso <10%.

L'immobile si qualifica sempre come "buono" ai fini di questo requisito (non importa la sua funzione nell'impresa e la sua tassazione). Il valore equo delle attività sul mercato è decisivo per l'adempimento delle condizioni del requisito. Il requisito patrimoniale è continuo e deve essere soddisfatto per lo più durante l'intero esercizio contabile.

Le attività utilizzate per il leasing, la concessione di licenze o il finanziamento di gruppo sono considerate passive, tranne quando sono incluse in leasing attivi o imprese di finanziamento, come definito dalla legge, o il loro finanziamento consiste in ≥ mutui di terzi 90%.

Requisito della tassazione

In generale, le partecipazioni sono considerate soggette ad una tassazione adeguata se sono tassate come profitti ad un tasso minimo di 10 per cento. Determinate differenze nelle basi imponibili, ad esempio un ampio PE, il differimento delle imposte fino alla distribuzione degli utili, i dividendi detraibili o l'assenza di limitazioni rispetto alla detrazione degli interessi possono comportare la squalifica dell'imposta sugli utili come passività sufficiente, tranne nei casi in cui l'aliquota effettiva di tassazione in conformità con gli standard olandesi è ≥ 10%.

contatta un pulsante esperto