Legislazione olandese relativa agli investimenti esteri

 Nel 2019, il Consiglio dell'UE ha adottato oggi un nuovo quadro per lo screening degli investimenti diretti esteri nell'Unione europea, completando il processo legislativo su questa proposta.

Di conseguenza, il nuovo quadro entrerà in vigore nell'aprile 2020. Il nuovo quadro, basato su una proposta della Commissione presentata dal presidente Juncker nel suo discorso sullo stato dell'Unione del 2017, contribuirà a proteggere la sicurezza, l'ordine pubblico e gli interessi strategici dell'Europa in quanto riguarda gli investimenti esteri nell'Unione.

Commentando la decisione del Consiglio, il presidente Jean-Claude Juncker ha dichiarato: "La decisione presa oggi dimostra la capacità dell'UE di agire rapidamente quando sono in gioco gli interessi strategici dei nostri cittadini e della nostra economia. Con il nuovo quadro per il controllo degli investimenti, ora siamo molto meglio attrezzata per garantire che gli investimenti dei paesi extra UE servano effettivamente i nostri interessi. Mi sono impegnato a lavorare per un'Europa che protegga sia il commercio che altre aree, con questi stiamo mantenendo una parte cruciale della nostra promessa con la nuova legislazione. "

Cecilia Malmström, commissaria per il commercio, ha dichiarato di essere molto soddisfatta della decisione presa dal Consiglio in quanto l'UE beneficia notevolmente degli investimenti esteri, che svolgono un ruolo cruciale nell'economia. Tuttavia, recentemente c'è stato un aumento degli investimenti in settori strategici, che ha portato a un sano dibattito pubblico su questo argomento. Questo nuovo quadro offre una posizione molto migliore per controllare gli investimenti esteri e proteggere gli interessi olandesi. Ora non vede l'ora di lavorare a stretto contatto con gli Stati membri per l'efficace attuazione di questa nuova legislazione.

Nel nuovo quadro:

Sarà istituito un meccanismo di cooperazione per consentire agli Stati membri e alla Commissione di scambiare informazioni e sollevare preoccupazioni in merito a investimenti specifici;
La Commissione sarà in grado di formulare pareri se la sicurezza o l'ordine pubblico di più di uno Stato membro sono compromessi da un investimento o se un investimento potrebbe influire su un progetto o minare un programma di importanza europea, come Orizzonte 2020 o Galileo;
Sarà incoraggiata la cooperazione internazionale nella selezione degli investimenti, anche attraverso la condivisione di esperienze, migliori pratiche e informazioni su preoccupazioni comuni;
saranno stabiliti determinati requisiti per gli Stati membri che desiderano mantenere o introdurre un meccanismo di screening a livello nazionale. Gli Stati membri hanno ancora l'ultima parola quando si pone la questione se autorizzare o meno un'operazione specifica di investimento nel loro territorio;
Sarà presa in considerazione la necessità di lavorare in tempi brevi e favorevoli alle imprese e con rigorosi requisiti di riservatezza.

In seguito all'approvazione da parte degli Stati membri in seno al Consiglio e al voto positivo del Parlamento europeo del 14 febbraio 2020, la nuova legislazione dell'UE che istituisce un quadro dell'UE per la verifica degli investimenti entrerà in vigore nelle prossime settimane, 20 giorni dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale Rivista. Gli Stati membri e la Commissione hanno quindi 18 mesi per prendere le disposizioni necessarie per l'applicazione di questo nuovo meccanismo. Sono già in corso preparativi, tra cui lo scambio regolare di informazioni e migliori pratiche con gli Stati membri nel gruppo di esperti dedicato istituito nel 2017.

sfondo

Attualmente, 14 Stati membri dispongono di meccanismi di screening nazionali. Sebbene possano differire per design e portata, hanno lo stesso obiettivo di mantenere la sicurezza e l'ordine pubblico a livello nazionale. I vari Stati membri stanno riformando i loro meccanismi di screening o adottandone di nuovi.

L'UE ha uno dei sistemi di investimento più aperti al mondo, come riconosciuto dall'OCSE nel suo Indice di restrizione degli investimenti. L'UE è la principale destinazione di investimenti esteri diretti al mondo: alla fine del 2017, gli investimenti esteri diretti nell'UE da parte di investitori di paesi terzi ammontavano a 6 295 miliardi di EUR.

Hai bisogno di maggiori informazioni sulla compagnia olandese BV?

CONTATTARE UN ESPERTO
Dedicato a supportare gli imprenditori con l'avvio e la crescita di attività nei Paesi Bassi.

Membro di

menuchevron in giùcerchio incrociato