Unione doganale dell'Unione europea

Le imprese che importano merci da paesi terzi nell'UE e in Olanda, in particolare, devono dichiarare le merci alla dogana. Alcune importazioni sono soggette a IVA e tasse doganali. A causa della consolidata unione doganale l'intera UE è considerata un territorio per quanto riguarda le politiche doganali. Pertanto, in generale, si applicano le stesse tariffe e regole per tutti gli Stati membri (SM). Una volta che le merci entrano in "libera pratica" (tutti i dazi sono pagati e le formalità di importazione sono completate) in un determinato Stato membro, ad esempio l'Olanda, possono circolare liberamente tra gli altri Stati membri senza ulteriori pagamenti di dazi doganali o formalità doganali.

La bandiera dell'Unione Europea galleggia nell'aria con nuvole e cielo blu dietro

Va notato, tuttavia, che anche se i regolamenti sono comuni per l'UE, la loro applicazione e / o interpretazione può essere diversa a seconda del SIGNORINA. L'Olanda ha una lunga tradizione nel commercio e offre un ambiente aperto e adatto alle imprese. Per quanto riguarda la vigilanza doganale, le autorità doganali locali si sono impegnate molto per fornire soluzioni flessibili. Non ci sono riduzioni delle imposte sui dazi o del controllo doganale, ma le autorità olandesi di solito cercano di eseguire la loro supervisione e controllo in un modo che abbia il minor impatto possibile sulle attività delle società.

Dazi doganali in Europa

I dazi dovuti per l'importazione di merci da paesi terzi nell'UE sono determinati dai tre criteri principali descritti di seguito.

Classificazione

La nomenclatura combinata (NC) dell'UE (un elenco di merci con codici assegnati e tariffe doganali) determina l'entità dei dazi pagabili in quanto indica quali merci sono tassate utilizzando ad valorem aliquote del dazio (una certa percentuale del loro valore), altre aliquote del dazio specifico (ad esempio un valore stabilito per unità di volume) o non sono soggette a dazi doganali (la cosiddetta aliquota zero). Quando viene presentata una domanda, le autorità doganali emettono una risoluzione sulla classificazione del prodotto. Una decisione di informazione tariffaria vincolante garantisce la corretta classificazione delle merci, in quanto vincola tutte le amministrazioni doganali dell'UE e il suo detentore. Possiamo aiutarvi a determinare la classificazione delle vostre merci e assistervi nella preparazione e nella giustificazione della vostra richiesta di informazioni sulla tariffa vincolante.

Valorizzazione

quando ad valorem si applicano i dazi, le norme UE per la valutazione in dogana si basano su quelle dell'Organizzazione mondiale del commercio e di conseguenza richiedono l'applicazione di un approccio relativo ai valori di transazione: il prezzo da pagare o da pagare delle merci determina il loro valore in dogana, ovvero la valutazione si basa su una transazione di vendita / acquisto. Quindi, in sostanza, le transazioni commerciali delle parti commerciali vengono utilizzate per specificare il valore della transazione. Le amministrazioni doganali possono inoltre richiedere la prova che le parti sono indipendenti e su un piano di parità per dimostrare la qualità normale dei prezzi di acquisto. Metodi alternativi possono essere utilizzati solo quando i valori delle transazioni non sono disponibili o non sono applicabili.

L'imprenditore appone un timbro sul contratto

Quando una transazione di vendita / acquisto viene utilizzata per la valutazione in dogana, è possibile aggiungere particolari elementi di costo, se sono stati esclusi dal prezzo pagato (ad es. Assicurazione e trasporto al confine dell'UE, costi di ricerca e sviluppo, pagamenti di royalty o aiuti) . In circostanze particolari, alcuni elementi come il trasporto terrestre o l'installazione possono essere esclusi, purché costituiscano una parte del prezzo di acquisto.

Origine

L'Unione europea ha concluso accordi per il commercio preferenziale e libero con molti paesi. A condizione che siano rispettati i rigorosi requisiti specificati in questi accordi, le merci originarie dei paesi partecipanti possono entrare nell'Unione a un'aliquota del dazio inferiore o esente da oneri doganali (cioè aliquota zero). Tuttavia, l'UE applica misure di difesa commerciale connesse alle importazioni, in particolare misure di salvaguardia, antisovvenzioni (compensative) e antidumping, che di solito comportano un dazio addizionale. Tali misure sono frequentemente adottate per merci che provengono da paesi specifici. Pertanto le spese doganali devono essere attentamente valutate quando si prendono decisioni di produzione o approvvigionamento.

Contrariamente agli Stati Uniti d'America, nell'Unione europea manca un sistema generale di rimborso dei dazi doganali pagati. Pertanto, quando le merci importate vengono riesportate, i dazi pagati al momento dell'importazione non possono essere rimborsati. Al fine di evitare il pagamento inutile di dazi per le merci destinate ai mercati al di fuori dell'UE è possibile ricorrere a diversi accordi di sospensione, tra cui il transito doganale (per quanto riguarda il trasporto), il perfezionamento attivo (per la trasformazione) e il deposito doganale (per lo stoccaggio). Tali disposizioni possono anche essere prese per rinviare il trasferimento di IVA e dazi doganali all'importazione. L'uso di questi regimi di sospensione di solito richiede autorizzazioni che possono essere concesse solo a società stabilite nell'UE.

Vari sgravi doganali sono disponibili per gli importatori se soddisfano criteri specifici.

modulo di domanda dell'azienda

Inoltre esistono procedure doganali semplificate per l'esportazione, l'importazione e / o il transito. Queste procedure spesso consentono una maggiore flessibilità nella gestione delle operazioni (logistiche), in quanto la supervisione doganale può essere eseguita presso la divisione amministrativa della società invece di richiedere un controllo fisico. La semplificazione può anche consentire agli esportatori di emettere certificati di origine e dichiarazioni di origine per documenti commerciali, ad esempio fatture (esportatori autorizzati). In virtù di tali dichiarazioni o certificati di origine possono essere applicate aliquote di dazio ridotte all'importazione nello stato di destinazione.

Accise

L'accisa è, per definizione, un tipo di imposta sui consumi di particolari beni di consumo specificata nel contesto dell'UE. Esempi di prodotti soggetti ad accisa sono vino, birra, alcolici, oli minerali e tabacco. Le accise pagabili possono raggiungere importi considerevoli e tali importazioni richiedono procedure doganali più complesse. Pertanto è consigliabile consultare un consulente prima dell'importazione.

UCC (codice doganale dell'Unione)

All'inizio di maggio, 2016, l'attuale codice doganale comunitario è stato sostituito dal nuovo UCC. I principi sopra considerati restano invariati, ma l'UCC introduce alcune modifiche significative rispetto alle disposizioni in materia di valore in dogana. Anche il principio della prima vendita non può più essere applicato nel determinare il valore in dogana.