Il presente articolo descrive gli aspetti legali e fiscali e alcune questioni pratiche relative allo stabilimento degli uffici in Olanda. Riassume le informazioni sul sistema giuridico e fiscale olandese pertinente alle procedure richieste. L'articolo presenta anche l'Olanda come un centro di commercio internazionale e sottolinea i vantaggi della posizione acquisita aprendo un ufficio olandese. Infine, discute altre questioni di importanza pratica come il costo della vita e del lavoro.

Per favore, non esitate a chiamare i nostri agenti fiscali e di incorporazione se avete problemi legali o fiscali o nel caso in cui avete bisogno di ulteriori informazioni.

Aspetti fiscali della creazione di un ufficio olandese

Lo stabilimento in Olanda ha numerosi vantaggi fiscali. Molti imprenditori scelgono di incorporare una struttura internazionale sotto un regime fiscale efficiente come quello in Olanda. Le entità legali olandesi all'interno delle strutture aziendali apportano molti benefici fiscali. I principali vantaggi possono essere riassunti come segue:

1) Il beneficio della doppia elusione fiscale grazie agli accordi conclusi dall'Olanda e alle direttive UE sulle imposte dirette;

2) L'esenzione di partecipazione;

3) L'opzione per negoziare accordi con le autorità fiscali nazionali in materia di prezzi anticipati (APA) e ruling fiscale (ATR). Tali accordi forniscono certezza sui futuri pagamenti fiscali;

4) Trattati bilaterali sugli investimenti in Olanda (BIT)

5) Crediti d'imposta olandesi per redditi da fonti straniere;

6) Il regime di Innovation Box (IB) per attività di ricerca e sviluppo;

7) Nessuna ritenuta alla fonte applicata sui pagamenti delle royalty e degli interessi in uscita; e

8) Lo schema per i migranti altamente qualificati (sentenza 30 per cento).

Questi benefici fiscali saranno spiegati in dettaglio qui sotto.

Benefici delle partecipazioni olandesi

Una holding olandese può fungere da centro di investimento per società stabilite in vari paesi del mondo. L'Olanda è riconosciuta per il suo regime favorevole per quanto riguarda le aziende, in particolare grazie all'esenzione dalla partecipazione, unita a un ampia rete di trattati fiscali e accordi bilaterali sugli investimenti. I principali vantaggi che spingono le imprese internazionali a utilizzare le partecipazioni olandesi come intermediari sono la ritenuta alla fonte più bassa nel paese in cui viene generato il profitto, la ricezione non prelevata di fondi accumulati da filiali estere e lo status protetto di tali sussidiarie. Questi vantaggi saranno chiariti di seguito.

Il governo dei Paesi Bassi ha dichiarato la sua intenzione generale di conservare e preservare tali benefici, considerati in senso figurato come gioielli nella corona del sistema fiscale nazionale, indipendentemente dai tentativi dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e l'Unione europea di combattere strategie di elusione fiscale volte a spostare i profitti dalle giurisdizioni con tasse più elevate.

L'esenzione di partecipazione nei Paesi Bassi

Come già accennato, l'Olanda è popolare con il cosiddetto esenzione di partecipazione. Se vengono soddisfatte condizioni particolari, le plusvalenze e i dividendi ottenuti dalle controllate qualificate non sono soggetti all'imposta olandese sulle società.

Questa esenzione si applica se una controllata idonea detiene non meno del 5% delle azioni della società. Un criterio di ammissibilità è che le società controllate non devono detenere le azioni al solo scopo di investimento passivo in un portafoglio. Tuttavia, anche nei casi in cui questo scopo è predominante, l'esenzione si applica anche se le società controllate pagano una tassa di profitto non inferiore al 10 per cento (secondo le norme della contabilità fiscale nei Paesi Bassi) o se meno della metà delle loro attività è assegnata a investimenti passivi. Quando l'esenzione non può essere applicata, le società di solito hanno l'opzione per il credito d'imposta.

Il sistema di ruling fiscale nei Paesi Bassi (Advance Pricing Agreements, APAs e Advance Tax Rulings, ATRs)

Il sistema olandese per il ruling delle imposte anticipate fornisce un anticipo in anticipo concludendo gli APA e gli ATR con società olandesi in relazione alla loro posizione fiscale. La conclusione di tali accordi è volontaria. In generale, le società utilizzano il sistema di ruling fiscale per conoscere in anticipo le passività fiscali relative alle transazioni interaziendali pianificate. Gli ATR forniscono certezza in anticipo rispetto alle ripercussioni fiscali delle transazioni previste chiarendo, ad esempio, se saranno ammissibili per l'esenzione dalla partecipazione. Gli APA, d'altra parte, definiscono quando il principio della libera concorrenza può essere applicato alle transazioni internazionali tra società collegate o parti diverse della stessa società.

Trattati bilaterali sugli investimenti (BIT)

Quando si investe in un paese straniero, si dovrebbero considerare sia le rispettive imposte che la protezione dei cosiddetti trattati bilaterali sugli investimenti, soprattutto se gli investimenti sono effettuati in un paese con un profilo di rischio grave.

I BIT sono conclusi tra due paesi per stabilire le condizioni per la protezione delle entità da un paese che investe nell'altro paese. Questi trattati garantiscono la protezione reciproca e la promozione degli investimenti. Proteggono e proteggono gli investimenti delle entità residenti in una delle parti contraenti sul territorio dell'altra parte. Pertanto i BIT rappresentano garanzie istituzionali rispetto agli investimenti esteri. Anche molti BIT prevedono meccanismi alternativi di risoluzione delle controversie in cui gli investitori i cui diritti sono stati violati possono optare per l'arbitrato internazionale piuttosto che citare in giudizio il paese inadempiente nei propri tribunali.

L'Olanda ha sviluppato una vasta rete di tali trattati bilaterali che offrono agli investitori la migliore sicurezza e protezione possibile nei paesi contraenti stranieri. Vale la pena ricordare che l'Olanda ha stipulato BIT con circa gli stati 100.

Gli investitori che risiedono in un paese firmatario possono beneficiare della protezione dei suoi BIT. Pertanto, l'Olanda è una giurisdizione attraente per la costituzione di società holding non solo grazie al suo regime fiscale favorevole, ma anche grazie ai numerosi BIT che ha concluso.

Il decreto di doppia evasione fiscale

Al fine di incoraggiare gli investimenti olandesi in altri paesi, in particolare in via di sviluppo, il governo ha introdotto un regolamento che prevede un meccanismo per ridurre la tassa societaria olandese sui profitti ottenuti dagli investimenti in paesi che non hanno concluso trattati fiscali con l'Olanda. Questo atto legislativo è il decreto unilaterale di doppia evasione fiscale (di seguito denominato DTAD). Come conseguenza del DTAD, le imposte olandesi riscosse sugli investimenti in paesi che non hanno concluso trattati fiscali con i Paesi Bassi sono solitamente le stesse imposte applicate agli investimenti negli Stati previsti dai trattati fiscali.

Il regime di Innovation Box (IB)

L'Olanda vanta un clima fiscale favorevole sotto il regime della scatola dell'innovazione, per quanto riguarda le aziende che operano nel campo della ricerca e sviluppo (R & S). Qualsiasi azienda che generi reddito dalle proprie immobilizzazioni immateriali sviluppate e brevettate (esclusi marchi e loghi) o da attività derivate da attività di R & S (verificate da una dichiarazione ufficiale) ha la possibilità di riportare il reddito utilizzando il regime IB. Quindi il suo reddito ammissibile che supera i costi per lo sviluppo delle immobilizzazioni immateriali sarà soggetto solo alla tassazione 5 per cento. Eventuali perdite associate alle attività idonee possono essere dedotte rispetto alla normale aliquota dell'imposta sulle società, ovvero la percentuale di 25. Se le perdite sono incluse nella dichiarazione dei redditi, devono essere ricatturate utilizzando l'aliquota normale. Solo allora la percentuale di 5 ridotta sarà nuovamente disponibile.

Nessuna ritenuta alla fonte in relazione ai pagamenti di royalty e di interessi

L'Olanda è una giurisdizione attraente per la creazione di licenze (gruppo) e società finanziarie. Il più grande vantaggio di stabilire una licenza o una società finanziaria olandese risiede nell'assetto fiscale di queste entità. A grandi linee, questa efficienza deriva dai convenienti trattati fiscali conclusi dall'Olanda, unitamente alla mancanza di ritenuta alla fonte per quanto riguarda i pagamenti delle royalty e degli interessi in uscita. Se determinati requisiti sono soddisfatti, questi prerequisiti consentono un flusso "estremamente efficiente" delle imposte sul reddito delle licenze e delle finanze attraverso l'entità nei Paesi Bassi per l'eventuale destinatario.

Lo schema per i migranti altamente qualificati

I dipendenti stranieri che vivono e lavorano in Olanda possono beneficiare di una concessione se soddisfano requisiti particolari. Questa concessione è chiamata la regola 30%. In base a questo, 30 percentuale delle retribuzioni del dipendente internazionale rimane non tassata. Di conseguenza, l'aliquota fiscale complessiva sul reddito personale ruota attorno al 36% invece del solito 52 percentuale.

Aspetti legali della creazione di un ufficio olandese

Avere una società olandese nel quadro di una società internazionale fornisce sia benefici fiscali che legali. Alcuni importanti vantaggi legali sono:

1) L'ordinamento giuridico nei Paesi Bassi prevede disposizioni per le varie entità per soddisfare le caratteristiche e le esigenze delle operazioni aziendali pianificate;

2) La Camera commerciale olandese (KvK) è molto efficiente e cooperativa;

3) Ci vuole solo un giorno o due per ottenere la legalizzazione da un notaio latino olandese e da un'apostille emessa dal tribunale;

4) È facile organizzare la nomina di un amministratore delegato locale, ad esempio, per soddisfare i requisiti di sussistenza; e

5) In 2012 le leggi sulle società a responsabilità limitata (BV) sono state completamente modificate e attualmente sono molto più flessibili.

La legge sulle società nei Paesi Bassi contiene disposizioni per le entità con e senza personalità giuridica (vale a dire sia le entità costituite che i partenariati / le entità contrattuali).

Tipi di società nella BN

Il più comunemente usato entità prive di personalità giuridica includere:

1) imprenditore individuale / imprenditore unico / un'impresa individuale (Eenmanszaak); (tecnicamente, le ditte individuali non sono entità legali);

2) società in nome collettivo (Vennootschap onder firma o VOF);

3) partnership professionale / commerciale (Maatschap); e

4) società in accomandita (Commanditaire vennootschap o CV.

Il più comunemente usato entità con personalità giuridica includere:

1) società privata a responsabilità limitata (Besloten vennootschap o BV)

2) società pubblica a responsabilità limitata (Naamloze vennootschap o NV)

3) associazione cooperativa (Coöperatie o COOP); e

4) fondazione (Stichting).

La scelta di una persona giuridica dipende dal tipo di attività da condurre. I proprietari di piccole imprese e liberi professionisti di solito stabiliscono ditte individuali, mentre le imprese più grandi sono incorporate come società private a responsabilità limitata (BV), società pubbliche a responsabilità limitata (NV) e società in accomandita (CV).

Dopo aver deciso di avviare un'impresa, il primo passo è registrarlo presso la Camera commerciale che lo includerà nel registro degli scambi. Questa procedura deve aver luogo durante il periodo che inizia una settimana prima che la tua attività diventi operativa per una settimana successiva.

Ulteriori dettagli sulla società privata a responsabilità limitata (BV)

La compagnia privata a responsabilità limitata (Besloten Vennootschap o BV) con capitale nominale frazionato in azioni è l'entità più comunemente utilizzata per le operazioni commerciali nei Paesi Bassi. Una BV ha uno o più azionisti e emette solo azioni nominative. Può avere uno o più "incorporatori" o abbonati che possono essere persone giuridiche e / o persone fisiche. Un'entità o un individuo, sia esso residente o straniero, può essere contemporaneamente l'unico incorporatore e il direttore che rappresenta il consiglio di amministrazione.

Caratteristiche geografiche: l'Olanda come centro commerciale internazionale

L'Olanda è una destinazione strategica ideale per le aziende grazie alla sua connettività. Le aziende stabilite nel paese possono facilmente collocare i propri prodotti e servizi sui mercati dell'UE, dell'Europa centrale e orientale, Africa e Medio Oriente. L'Olanda si trova nella parte occidentale dell'Europa e ha confini comuni con il Belgio (sud) e la Germania (est). A ovest ea nord confina con il Mare del Nord e la sua costa è lunga 451. L'Olanda è un piccolo paese con un territorio di 41 526 chilometri quadrati. La sua economia è fortemente dipendente dal commercio internazionale (oltre il 50% del prodotto interno lordo deriva dal commercio estero). Il paese è tra i primi paesi esportatori di 10 al mondo, che è piuttosto un successo per le sue dimensioni. Circa il 65 di tutte le esportazioni olandesi è destinato a cinque paesi: Stati Uniti, Regno Unito, Belgio, Germania e Francia.

Più del 50% di tutte le esportazioni e importazioni in Olanda sono costituite da alimenti, macchinari (principalmente computer e parti) e prodotti chimici. Molte merci importate (computer inclusi) sono effettivamente destinate ad altri paesi e vengono riesportate in gran parte non trasformate subito dopo il loro arrivo in Olanda. Questa situazione è tipica dei grandi hub di trasporto e di distribuzione. In effetti molti milioni di tonnellate di merci nordamericane e asiatiche arrivano ad Amsterdam o Rotterdam per la distribuzione in tutta Europa. Il ruolo dell'Olanda come gateway europeo è sostenuto anche dall'aeroporto Schiphol di Amsterdam, il quarto aeroporto più trafficato e più grande del continente, al servizio del traffico di merci e passeggeri. La maggior parte delle compagnie di trasporto olandesi hanno le loro basi operative a Rotterdam (con l'aeroporto di Rotterdam The Hague) o vicino a Schiphol. Altri importanti aeroporti europei, quali Düsseldorf e Francoforte in Germania, Roissy in Francia e Bruxelles e Zaventem in Belgio, sono solo a poche ore di distanza. Inoltre, l'Olanda ha una rete ferroviaria eccezionale che collega importanti capitali europee, tra cui Londra. La capitale europea di Bruxelles è a breve distanza. Inoltre, il porto di Rotterdam è il più grande del continente europeo. Fino a 12 anni fa era anche il porto più trafficato del mondo, ma fu sorpassato da Shanghai e Singapore. In 2012 era il sesto porto più trafficato al mondo per quanto riguarda il tonnellaggio di merci all'anno.

Costo del lavoro

Gli standard di vita in Olanda sono relativamente alti e questo si riflette nel salario medio. In 2015 i datori di lavoro hanno pagato 2500 Euro / mese ai propri dipendenti e quindi il costo medio della manodopera era di 34.10 Euro / ora. Tutte le imposte dovute sono prelevate alla fonte di reddito. La settimana lavorativa media è di circa 40 h.

I costi della manodopera nei diversi membri dell'UE variano notevolmente. In 2015 la retribuzione media all'ora per l'intera Unione Europea era di 25 Euro, mentre per l'Eurozona il tasso era 29.50 Euro. Pertanto, i costi del lavoro nei Paesi Bassi sono più alti di 16 rispetto al valore medio dell'Eurozona. Tuttavia, in 2015, cinque paesi dell'UE hanno avuto un costo del lavoro più alto rispetto all'Olanda. La retribuzione media per ora in Danimarca (41.30 Euro) e Belgio (39.10 Euro) è di circa 10 volte superiore rispetto al valore per Bulgaria (4.10 Euro). Il lavoro in Belgio è più costoso rispetto a Lussemburgo, Paesi Bassi, Svezia e Francia. Tuttavia, i costi del lavoro in Lituania e Romania non sono molto diversi da quelli in Bulgaria, anche se i salari in questi paesi 3 sono in aumento.

A partire da 07 / 2015, lo stipendio lordo minimo nazionale in Olanda per i dipendenti di età 23 e precedenti è 1507.80 Euro / mese, ovvero 69.59 Euro / giorno. Basato su 40 orario di lavoro a settimana, equivale a 8.70 Euro / ora.

Amsterdam: la nuova capitale europea della finanza

Secondo lo scrittore James Stewart, un editorialista che lavora al NY Times, dopo Brexit Amsterdam è destinata a diventare la nuova Londra grazie alla sua imponente architettura, alle migliori scuole e all'eccitante vita notturna. L'Olanda è stata per secoli un centro commerciale globale e quindi il paese è tradizionalmente tollerante per gli stranieri. Inoltre quasi tutti i residenti olandesi parlano inglese. Le scuole in Olanda sono considerate le migliori del continente europeo, con molte opportunità di istruzione in inglese. Amsterdam affascina con la sua architettura e offre interessanti opzioni abitative, ottimi ristoranti, viste pittoresche, spettacoli teatrali e musicali e un'eccitante vita notturna. I suoi cittadini hanno un atteggiamento tollerante e cosmopolita coltivato da secoli, fin dalla sua comparsa come centro del commercio globale.

Grazie ai continui sforzi della nazione, l'Olanda è attualmente tra gli stati più ricchi del mondo. La posizione strategica del paese sulla costa del Mare del Nord e dei suoi fiumi, portando vantaggi industriali e agricoli, ha indubbiamente contribuito a questo successo. Grazie a queste caratteristiche geografiche e all'innato entusiasmo del proprio popolo, i Paesi Bassi sono ora un grande centro commerciale.

Inoltre, l'Olanda ha un sistema di welfare state ben sviluppato che garantisce che tutti i cittadini condividano la prosperità della loro patria. Gli olandesi sono molto orgogliosi dei loro elevati standard di vita. Le spese associate a vita, istruzione, alloggio e cultura sono inferiori rispetto alla maggior parte dei paesi dell'Europa occidentale. La Rete di soluzioni per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite esamina molte persone residenti in vari paesi del mondo per prepararne l'annuale Mondiale Felicità Rapporto. Come è evidente dal suo nome, il rapporto indica quali paesi hanno le popolazioni più felici. In 2018 Holland ha preso 6th posto.

Costo della vita

Analogamente a molti altri paesi in Europa, il costo della vita in Olanda è aumentato con l'adozione della moneta comune, l'euro. Una stanza standard costa 300 - 600 Euro / mese, quindi è molto più economico sistemarsi in un'area non urbana, piuttosto che vivere in una città come Amsterdam o L'Aia.

Il trasporto pubblico è relativamente economico per gli standard europei. La maggior parte delle aree funziona con chip card ("ov-chipkaart" ") che possono essere utilizzate su tram, autobus, metropolitane e treni. In città un biglietto per autobus singolo costa circa 2 Euro. Un biglietto per il treno da Schiphol alla stazione centrale di Amsterdam costa circa 4 Euro. Un biglietto Amsterdam - Utrecht è di circa 7.50 Euro. Al contrario, i servizi di taxi sono piuttosto costosi. Il solito costo iniziale è 7.50 Euro e le tariffe raggiungono 2.20 Euro / km.

Per favore, non esitate a chiamare i nostri esperti in materia di tassazione e costituzione. Saranno lieti di assistervi con le procedure per iniziare la propria attività in Olanda.