tax-olanda

Erosione di base e spostamento degli utili (BEPS)

L'adesione dell'Olanda all'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) è un prerequisito per il suo coinvolgimento attivo nel progetto dell'OCSE per contrastare lo spostamento degli utili e l'erosione della base (BEPS). È stato raggiunto un accordo per quanto riguarda i BEPS nell'OCSE e tutti i membri sono impegnati nella sua attuazione. Perciò L'Olanda emana la legislazione di conseguenza.

A seguito del suo sostegno al progetto, il Paese ha modificato il regime di innovazione nella sua legislazione fiscale, in vigore dal 1st di gennaio, 2017. L'Olanda ha adottato il cosiddetto strumento multilaterale, a prescindere dalle sue riserve a determinati punti.

Trasferisci documentazione sui prezzi e report CbC, file master e locali

Il pacchetto di attuazione dell'OCSE sulla rendicontazione paese per paese (CbC) è un esempio di legislazione relativa ai BEPS. I requisiti per la segnalazione sono principalmente destinati a essere utilizzati ai fini della valutazione del rischio da parte delle autorità fiscali dei paesi partecipanti.

Secondo il rapporto dell'OCSE, le imprese multinazionali (MNE) con fatturati di ≥ 750 milioni di euro dovranno presentare relazioni CbC negli Stati in cui risiedono le loro società madri di riferimento. Quindi le autorità fiscali locali scambiano le informazioni ottenute con le autorità di altri paesi coinvolti che partecipano all'accordo per lo scambio reciproco di tali relazioni.

Inoltre, il rapporto OCSE finalizzato richiede a ciascuna società all'interno della MNE di conservare un file locale e principale nel proprio dipartimento amministrativo. I file master contengono informazioni sui prezzi di trasferimento in tutta l'azienda e i file locali presentano le transazioni dell'azienda locale all'interno dell'azienda. Tutte le informazioni segnalate devono essere mantenute strettamente confidenziali e non saranno accessibili al pubblico.

L'Olanda ha adottato una legislazione che attua il pacchetto di comunicazione CbC e corrisponde ai metodi e al sistema ivi prescritti. Inoltre, le imprese olandesi con un fatturato totale di ≤ 50 milioni di euro sono tenute a conservare i file master e locali.

Come notato sopra, solo le società madri di imprese multinazionali sono tenute a presentare relazioni CbC. Qualsiasi entità olandese inclusa in un'impresa multinazionale il cui fatturato è pari o superiore a 750 milioni di euro è tenuta a inviare una notifica all'amministrazione fiscale specificando se la surrogata o l'entità capogruppo finale presenterà il rapporto CbC. In alternativa, deve indicare quale entità presenterà il report e dove risiede ai fini del pagamento delle imposte. Il termine per l'invio di questa notifica è alla fine dell'anno fiscale.

Inoltre, le società olandesi che devono presentare relazioni CbC devono presentarle entro e non oltre dodici mesi dalla fine dell'esercizio fiscale. I file anagrafici e locali dovrebbero essere resi disponibili presso i dipartimenti amministrativi delle società entro la scadenza per la presentazione delle dichiarazioni fiscali.

Direttiva contro le pratiche di elusione fiscale

A luglio 2016 l'Unione europea ha adottato la direttiva 2016 / 1164 che stabilisce norme contro le pratiche di elusione fiscale che incidono direttamente sul funzionamento del mercato interno. Comprende diverse misure per contrastare l'elusione fiscale. Questi sono legati alla tassazione in uscita, alla deducibilità degli interessi, all'abuso e alle società estere controllate.

La direttiva prevede inoltre norme per far fronte alle discrepanze tra gli Stati membri (SM) dell'UE derivanti dall'uso di entità o strumenti ibridi. Le sue disposizioni devono essere trasposte a tutti gli Stati membri a partire da dicembre 31, 2018 e applicate a partire da gennaio 1, 2019. Esiste un'eccezione per quanto riguarda la regola della tassazione di uscita, che deve essere recepita a partire da dicembre 31, 2019 e applicata a partire da gennaio 1, 2020. In quanto SM dell'UE, anche l'Olanda deve attuare la direttiva.

Eurozona-Sepa
Oltre alle disposizioni della direttiva (UE) 2016 / 1164 del Consiglio, la CE ha proposto regole per i disallineamenti tra Stati membri e paesi terzi nel suo piano per una riforma fiscale europea. La direttiva del Consiglio (UE) 2017 / 952 che modifica la direttiva (UE) 2016 / 1164 per quanto riguarda i disallineamenti ibridi con i paesi terzi è stata adottata il 29 maggio, 2017. Non è ancora chiaro come l'Olanda attuerà le due direttive.

Il progetto Common Consolidated Corporate Tax Base (CCCTB)

La proposta di riforma fiscale della Commissione include un CCCTB obbligatorio per gli Stati membri, a partire da 2021. Questo progetto è molto simile a una proposta di 2011 per l'introduzione di CCCTB. Il suo obiettivo è raggiungere l'armonizzazione della tassazione delle società nell'UE e fornire una formula per la ripartizione del reddito delle società tra gli Stati membri. Il progetto CCCTB ha un approccio in due fasi. Il primo passo proposto è introdurre una base imponibile comune per le società a partire da 2019. L'obiettivo è allineare il calcolo del CTB tra gli Stati membri.

Resta da vedere se gli Stati membri appoggeranno le proposte sulla base imponibile per le società e quando e come saranno attuate a livello dell'UE, portando così alla nuova legislazione olandese. In ogni caso, CTB è una questione seria di discussione per quanto riguarda la tassazione nell'UE.

Aiuti di Stato

La CE ha recentemente avviato un'indagine per stabilire se sia particolare accordi fiscali tra imprese e autorità nazionali stanno violando le disposizioni dell'UE in materia di aiuti di Stato. La CE ha già raggiunto la conclusione che alcuni dei considerati decisioni fiscali rappresentano aiuti di Stato illegittimi. Tale conclusione è stata raggiunta anche in merito a una sentenza fiscale in Olanda. Il governo statale ha presentato ricorso contro questa decisione dinanzi alla Corte di giustizia europea.

Si prevede che la CE esaminerà anche altri accordi fiscali. Tuttavia, la Commissione ha specificamente sottolineato che non sono attese irregolarità sistematiche con decisioni fiscali in Olanda. Il governo del paese ritiene che la pratica generale della normativa fiscale escluda gli aiuti di Stato, a condizione che le decisioni siano coerenti con la legislazione fiscale nazionale. I ruling fiscali mirano a fornire certezza avanzata ai contribuenti.

Desideri ulteriori informazioni o assistenza legale? Ci contatti per favore.