L'Olanda ha regole severe che regolano la responsabilità degli amministratori di società a responsabilità limitata pubbliche e private (NV e BV), sia prima che dopo una dichiarazione di fallimento. La responsabilità degli amministratori nelle società BV e NV è limitata se il capitale sociale è versato dagli azionisti. Il notaio pubblico legalizzerà quindi il capitale statutario come "interamente pagato". La società sarà responsabile per tutte le azioni, con alcune eccezioni che esamineremo in questo articolo. Per consigliarvi sull'argomento, è della massima importanza avere un notaio esperto e agente di incorporazione.

Responsabilità civile nei confronti della società

Quando un direttore della società fa delle scelte che, a un certo punto, si rivelano distruttive per l'azienda, ciò non significa necessariamente che lui / lei avrà responsabilità personale per il risultato. Un certo grado di rischio calcolato è inerente alla gestione di un'impresa. Pertanto, le leggi aziendali olandesi offrono ai direttori aziendali una notevole libertà nell'adempiere alle loro responsabilità lavorative.

Ancora, secondo l'art. 2: 9, Codice civile dei Paesi Bassi, i direttori dovrebbero svolgere i loro compiti con attenzione e cura appropriate. In caso contrario, la responsabilità personale per eventuali danni successivi all'azienda. Secondo la Corte Suprema dei Paesi Bassi, un direttore può essere ritenuto personalmente responsabile in caso di colpa grave. La corte fornisce anche una guida per misurare l'entità della cattiva condotta. Se un amministratore con esperienza e ragionevolezza agirebbe mai azioni del genere, allora il comportamento è considerato una condotta grave. Alcuni esempi includono:

  • Adozione di pratiche illegali o fraudolente;
  • Assunzione di rischi finanziari non comprovati;
  • Spogliatura di beni;
  • Diversificazione dei fondi aziendali per uso privato;
  • Assicurazione inadeguata di beni materiali.

Nel caso in cui la società abbia due o più direttori, tutti i membri del Consiglio di amministrazione condividono ugualmente la responsabilità per eventuali danni. Un amministratore può evitare la responsabilità solo se in grado di dimostrare di non essere a conoscenza di una grave condotta grave o di adottare tutte le misure ragionevoli per fermare le azioni dannose. Pertanto, se un direttore non è d'accordo con la linea di condotta scelta dal Consiglio, potrebbe essere nel suo migliore interesse dimettersi ed evitare la responsabilità.

Responsabilità civile nei confronti dei creditori

In particolari circostanze, i creditori della società possono detenere amministratori separati responsabili per i danni derivanti da decisioni prese nel corso del loro dovere. Alcuni esempi includono la fornitura di dati finanziari inaccurati o l'adozione di iniziative impraticabili per conto della società che sono evidentemente impossibili da soddisfare.

Responsabilità post-fallimento

Quando viene dichiarata la bancarotta, il Codice Civile fornisce al trustee l'opzione di ritenere i direttori della società personalmente responsabili per il deficit del fondo che si è verificato a seguito del fallimento.

Secondo l'art. 2: 248, Codice Civile dei Paesi Bassi, in caso di fallimento gli amministratori condividono ugualmente la passività nei confronti del patrimonio per quanto riguarda la parte dei debiti dell'entità fallita che non sarebbe coperta dalla liquidazione del patrimonio. Ciò si applica nei casi di gestione manifestamente impropria per conto degli amministratori quando si può concludere che le loro azioni rappresentano una causa significativa del fallimento.

Si ritiene automaticamente che il Consiglio di amministrazione abbia svolto le proprie funzioni in modo improprio se vengono accertate le seguenti circostanze:

  • La direzione non ha presentato i rapporti finanziari annuali della società presso la Camera commerciale olandese entro il periodo specificato successivo alla fine dell'esercizio finanziario;
  • I conti della società non sono stati mantenuti in linea con le buone pratiche e i registri danno una falsa impressione sull'effettiva posizione finanziaria della società.

In questi casi, è responsabilità degli amministratori dimostrare che l'incapacità di presentare i rapporti della società o di amministrarli correttamente non è una delle cause principali del fallimento. In tali circostanze, potrebbe essere molto difficile per loro di evitare la responsabilità.

D'altra parte, il trustee può ritenerli responsabili per colpa grave (come indicato nel punto sulla responsabilità civile nei confronti delle società). In seguito, tuttavia, il trustee deve dimostrare che una colpa grave a nome degli amministratori ha portato alla dichiarazione di bancarotta.

Se il trustee ha motivo di ritenere che le persone che non sono amministratori ufficiali ma presumibilmente abbiano controllato l'attività siano per lo più responsabili della cattiva condotta o del mancato adempimento degli obblighi aziendali, il Codice Civile (Art. 2: 248) conferisce al trustee il diritto di ritenere questi individui responsabili, come se si trattasse di direttori effettivi. Nel caso in cui un direttore di società sia una persona giuridica, la legge olandese consente il piercing del velo corporativo, in modo tale da raggiungere gli individui effettivi dietro l'entità. Quindi questi individui sono ritenuti responsabili per il fallimento. Pertanto, la nomina di società holding o entità giuridiche straniere come amministratori non può proteggere le persone dietro le entità.

Responsabilità fiscale

Gli amministratori delle entità giuridiche possono essere ritenuti responsabili delle passività fiscali scadute, a condizione che non abbiano segnalato l'incapacità delle entità di trasferire i rispettivi pagamenti (ad esempio pagamenti in sospeso per imposta sul valore aggiunto, ritenuta d'acconto, ecc.) Entro il periodo legale successivo le passività fiscali sono diventate esigibili. Se l'Ufficio delle imposte dichiara un amministratore responsabile dei pagamenti fiscali in sospeso, il direttore ha l'onere di dimostrare che il mancato pagamento delle passività fiscali è il risultato di motivi al di fuori del suo controllo. Le passività fiscali sorgono spesso dopo la bancarotta, poiché le società non sono in grado di pagare le proprie tasse e le autorità fiscali si concentrano sulle persone dietro le società.

contatta un pulsante esperto